Piccoli Esploratori 2.0

MAROCCO – AVVENTURA NEL DESERTO

 

Vagare nel deserto, all’orizzonte solo sabbia, sedersi su una duna per ammirare il tramonto, dormire in una tenda o sotto il cielo stellato è un’emozione incredibile. Un’esperienza indimenticabile per qualsiasi piccolo esploratore, ma anche per i genitori. L’aspettativa dei ragazzi era enorme, ne parlavano da mesi e ciascuno immaginava a modo suo come sarebbe stato.

Quando si pianifica un’attività di questo tipo è importante non lasciare nulla al caso. Scegliere bene luoghi, tempi e location. Noi abbiamo optato per l’Erg Chebbi in Marocco. Un’area sabbiosa facilmente raggiungibile con comode strade in buone condizioni e una vasta scelta di attività adatte ad ogni tasca.

Quando andare

Il periodo migliore per recarsi nel deserto con i bambini è in primavera (Marzo-Aprile) e in autunno (Ottobre-Novembre) quando le temperature durante il giorno raggiungono i 35 gradi e la notte non fa freddo. Sarà sufficiente portare un paio di pantaloni lunghi, in tela leggera che proteggano le gambe dal sole, ma soprattutto dallo sfregamento con la sella durante il tragitto in dromedario; per la sera una felpa o una giacca leggera. Per la notte in tenda prevedete un pigiama estivo: la temperatura è ottima e vengono fornite lenzuola e coperte.

In cosa consiste l’attività

L’esperienza che abbiamo scelto prevedeva l’arrivo nella struttura di appoggio nel primo pomeriggio. Qui ci è stata assegnata una stanza privata dove lasciare i bagagli fino al nostro ritorno e prepararci per la grande avventura.

Successivamente ci hanno spiegato come sarebbe stata strutturata la nostra attività e a ciascuno è stato consegnato il turbante.

La prima volta che un bimbo sale sul dromedario prova un’emozione mista a paura, si sente così in alto, ma in breve tempo la novità prende il sopravvento, si parte, il deserto lo circonda ed è solo divertimento. Durante il tragitto è prevista una sosta per scattare foto e godere del silenzio interrotto solo dal rumore di qualche folata di vento. Nella sabbia si intravedono orme di animali, tracce di vita difficile da scorgere, eppure presente.

Giunti al campo ci si incontra con gli altri gruppi e le attività non mancano. I bambini hanno adorato il sandboarding che praticavano sedendosi sulla tavola a mo’ di slittino, mentre noi dopo qualche giro (è molto divertente anche per gli adulti), abbiamo preferito sorseggiare te’ osservando il tramonto.

La cena viene servita a lume di candela sotto il cielo stellato. E’ abbondante e sarà la fame sarà la location i piccoli esploratori hanno divorato tutto senza battere ciglio.

La serata continua con uno spettacolo di musica berbera e l’osservazione delle stelle.

L’attività prevede di alzarsi molto presto per raggiungere tutti insieme la cima della duna più alta prima dell’alba, ma noi abbiamo preferito attenderla seduti su una duna poco distante dal campo.

Una veloce colazione con te’ e biscotti e, tempo qualche ora, si riparte. Alla base ci attende una doccia calda nella stanza assegnata all’arrivo e una super abbondante colazione-pranzo.

Quanto costa

I prezzi variano a seconda della struttura scelta e delle attività previste. Dopo molte ricerche sul web noi abbiamo optato per:

L’abbiamo scelto perchè:

  1. Ha un campo isolato, lontano da tutti gli altri, sembra di essere sperduti nel nulla anche se ci si trova a pochi km dalla civiltà
  2. Ogni gruppo vive l’esperienza singolarmente, cioè si reca nel deserto solo con la propria famiglia/gruppo di amici senza essere aggregati ad altri
  3. La guida/accompagnatore parla italiano e questo permette ai ragazzi di sentirsi maggiormente a proprio agio
  4. Le tende sono spaziose
  5. E’ fornito di comodi e puliti sevizi tipo hotel anche nel deserto e con i ragazzi è un grosso vantaggio
  6. Il rapporto qualità prezzo è eccezionale
  7. Le recensioni sono ottime

 

Curiosi di sapere quanto abbiamo speso???

Trenta euro a testa tutto incluso.

Un’esperienza che porteremo nel cuore a lungo e che ci sentiamo di consigliare a tutti.

2 pensieri su “MAROCCO – AVVENTURA NEL DESERTO

    1. Piccoli Esploratori Autore dell'articolo

      Consiglio la gita in dromedario dai cinque-sei anni. Se i bimbi sono più piccoli si può raggiungere il deserto in jeep oppure portarli con la fascia, non ho idea se si possa tenerli in braccio, ma non credo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *